Al Premio Com&Te  Ilaria Li Vigni Marino conquista il pubblico con il suo saggio Sulle donne. La parola agli uomini. Il punto di vista maschile sulla parità di genere

Al Premio Com&Te  Ilaria Li Vigni Marino conquista il pubblico con il suo saggio Sulle donne. La parola agli uomini. Il punto di vista maschile sulla parità di genere

Questo libro è dedicato alle donne che osano. Questo è un Paese androcentrico e le regole le scrivo ancora gli uomini, mentre le donne sono pragmatiche e finiscono sempre per fare il lavoro di tutti”.

Così in un passaggio ieri sera l’avvocata e giornalista Ilaria Li Vigni Marino, presso l’Holiday Inn di Cava de’ Tirreni, presentando il saggioSulle donne. La parola agli uomini. Il punto di vista maschile sulla parità di genere (FrancoAngeli), nel corso del quinto e conclusivo appuntamento dei salotti letterari della XV edizione del Premio Com&Te.
“L’Italia –ha spiegato Ilaria Li Vigni Marino- ha impiegato più di Spagna e Grecia, paesi latini come noi, a legiferare in materia di parità di genere, anche se ad esempio con la legge Golfo-Mosca ha fatto passi in avanti con la presenza di donne nei consigli di amministrazione. Una norma impropriamente definita “sulle quote rosa” ma invece denominata “equilibrio di genere meno rappresentato”.
“Il legislatore e anche la magistratura –ha evidenziato ancora l’autrice- sono intervenuti dove vi era un gap culturale da colmare”. Sul tema dell’aborto, poi, sollecitata dalle domande delle intervistatrici, Li Vigni ha affermato con forza “Avanti tutta, indietro non si torna”.
A stimolare l’autrice sono state l’avv. Angela Senatore e la prof.ssa Francesca Faiella, entrambe giornaliste della redazione di Ulisse online e componenti della segreteria organizzativa del Premio Com&Te.
Agli studenti, che le hanno rivolto numerose domande, Ilaria Li Vigni Marino ha fatto notare: “Voi ragazzi avete l’occasione di confrontarvi, come egregiamente avviene con il format di questo premio letterario, e tutto ciò è molto importante perché vi pone nella condizione di poter scegliere e anche questo costituisce un potere”.
Cosa ci riserva il futuro? “Avremo raggiunto la parità quando non farà più notizia la nomina di una donna a capo di un’istituzione” -ha affermato- e rivolgendosi alla numerosa platea ha invitato alla solidarietà femminile chiarendo che “le donne che arrivano in vetta devono fare squadra ed aiutare le altre donne ad affermarsi”.
Per ogni altra informazione può essere consultato il sito www.premiocomete.it Con la preghiera della massima diffusione, si inviano cordiali saluti.

Cava de’ Tirreni

/ 5
Grazie per aver votato!
Visualizzazioni: 7

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.