SLIDE DOOR 1 GIUGNO QUADRIPORTICO DUOMO SALERNO/MUSEO IMMIGRAZIONE ELLIS ISLAND NEW YORK “STORIES FROM SCHOOLS”

SLIDE DOOR 1 GIUGNO

QUADRIPORTICO DUOMO SALERNO/MUSEO IMMIGRAZIONE ELLIS ISLAND NEW YORK

“STORIES FROM SCHOOLS”

Introduzione musicale

La piccola orchestra ritmica” composta dagli alunni della scuola primaria dell’ IC  “Medaglie d’Oro”, eseguirà i brani che spaziano da semplici brani didattici che si ispirano a metodologie musicali a brani di musica classica, moderna e della tradizione campana, tra cui l’Inno Europeo alla Gioia di Ludwig Van Beethoven, la bellissima e coinvolgente Tarantella di Maggio e “Respect” portato al successo da Aretha Franklin.

Gli strumenti suonati dai piccoli musicisti sono stati costruiti con materiali di riciclo. L’esibizione sarà guidata dall’Esperto Tenore Vincenzo Acanfora e dalla Tutor  insegnante Apollonia Coglianese . Con la partecipazione del dirigente scolastico prof. Emilio Costabile

SPOT INTRO

Scuola: Liceo Artistico Sabatini-Menna

Titolo: Right between the eyes

Docenti Referenti: Claudia Imbimbo – Nadia Tavassi

Sinossi: L’opera di Jorit che invoca alla pace e alla convivenza civile tra i popoli, ritrae un bellissimo occhio in lacrime e una colomba che sposta la lettera “A” dalla parola “war” e la porta a completare la parola “peace” a cui mancava. Un murales, questo, del Progetto “Right between the eyes” che la Fondazione Jorit sta realizzando con i finanziamenti dalla Regione Campania attraverso il programma FESR.

SIGLA FORMAT INTRO

Scuola: I. C.Barra -Salerno

Titolo: Nel buio della Storia

Docenti Referenti: Dirigente prof.ssa Renata Florimonte

Progetto prof Mariachiara Elefante e prof Paola Molinari.

Testi di Giancarlo Cavallo.

Plessi Abbagnano e Lanzalone

Elaborati delle classi IG ,IH, 1i

II H,III G,II i,III i

Sinossi: Il video e’ ispirato al libro di Giancarlo Cavallo “26 tribute to the twenty~ six dead women”.Composto da disegni e collage originali sul tema dell’immigrazione e da brani tratti dal libro dell’autore .

Dedicato alle ventisei donne nigeriane ,morte annegate nel Mediterraneo il 6 novembre 2017 e sepolte a Salerno.

Scuola: I.I.S. “B. FOCACCIA”- Salerno

Titolo: “UNA PORTA……..”

Docenti Referenti: D.S.  – Prof.ssa Maria Funaro

Docente Referente    – Prof.ssa Antonella De Notaris

Testi e direzione video   – Prof.ssa Adriana Pecoraro

Foto   – Alunni Classe 4 A1 Informatica

Montaggio Video e Audio – Agostino Tortora e Luca Di Gennaro

Sinossi: Il video fotografa tutte le porte di accesso della Cattedrale di Salerno, dando ad ognuna un significato e un messaggio di arte, di solidarietà, di accoglienza, di condivisione, di storia, di religione, di conoscenza, di curiosità, di emozioni.L’ultima porta è di un palazzo adiacente al Duomo ed è la “Porta della vita”, che  invita alla riflessione “pacifica” sulle mete, i luoghi e le azioni dell’uomo.

Scuola:Classi 1E e 1G della scuola secondaria di primo grado “Torrione Alto” dell’ “I.C. Giovanni Paolo Secondo Salerno”

Titolo:Shout for peace

Docenti Referenti: Curatrici del laboratorio e della realizzazione del video:

Prof.ssa Paola Greco,  prof.ssa Laura Siano

Referente del progetto: Prof.ssa Lucrezia Gentile Garofalo

Responsabile del progetto: Dott.ssa Maristella Dorotea Rita Fulgione.

Sinossi:Gli alunni guidati dalle loro insegnanti di Italiano ed Inglese hanno lavorato sul tema “slide door”, calandolo nella realtà storica che stiamo vivendo, intendendo la porta come un punto di unione tra popoli all’insegna della pace. Il video realizzato come prodotto finale del laboratorio mostra una personificazione della guerra e della pace, osservate attraverso una porta che si apre sui tristi avvenimenti che stanno caratterizzando questo periodo storico, ed ha lo scopo di  gridare al mondo il proprio inno alla pace: shout for peace, come il suo stesso titolo suggerisce.

Scuola: ISTITUTO COMPRENSIVO MEDAGLIE D’ORO

TITOLO: Spalanca le porte: esplora, sogna, scopri, accogli.

DESCRIZIONE

Il video vuol essere una sintesi di alcuni progetti realizzati nel corso dell’a.s. 2021/22 nei tre gradi di scuola . I bambini della scuola dell’Infanzia hanno intrapreso un viaggio nella lettura attraverso “ porte narrative”, partendo da albi illustrati e fiabe, mentre la scuola primaria e secondaria  ha sfruttato il tema della porta per attività interdisciplinari di scrittura creativa , storytelling, arte, tecnologia. Nel progetto sono stati coinvolti alunni e insegnanti in un percorso che ha creato occasione di confronto e crescita culturale nel rispetto e nella valorizzazione delle differenze.

Dirigente Scolastico dott. Emilio Costabile

Alunni e insegnanti della scuola dell’Infanzia,  primaria e secondaria di I grado

Scuola: Liceo Artistico Sabatini-Menna

Titolo: Un Portale Per…

Docenti Referenti: Claudia Imbimbo – Nadia Tavassi

Sinossi: La SLIDEDOOR portale-video a grandezza naturale ha dato la possibilità a tutti i cittadini salernitani di vivere l’esperienza di avere di fronte a se, persone e luoghi in realtà molto distanti, ma vicini e uniti in una storia che ha reso forti e grandi entrambe le nazioni. Chi si reca al Duomo di Salerno potrà incontrare quotidianamente le migliaia di visitatori di Ellis Island, potrà parlare, raccontare, ascoltare e perché no anche incontrare i parenti lontani proprio in quel luogo ove sono passati i dodici milioni di immigrati arrivati in America nel secolo scorso. Piedi dunque e passi che raccontano la storia e la memoria di ognuno di loro.

Scuola: Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale “ProfAgri” Salerno

Titolo: Io viaggio… Tu viaggi… Noi ci incontriamo.

Docenti Referenti: Prof.ssa Paola D’Arienzo con la collaborazione delle Prof.sse Fara Finamore e Clorinda Ricciardi Dirigente Dott Prof Alessandro Turchi Partecipanti classi 1 A e 1 B, sede di Salerno

Sinossi: Incontro o isolamento? Curiosità o indifferenza? Gli studenti dell’IPSASR ProfAgri visualizzano la “slide door” nel viaggio scolastico. Il racconto corale inizia all’ingresso: con la speranza di uscire dalla pandemia e dalle aule virtuali, piccole “isole” attendono l’apertura del cancello per esplorare la Scuola superiore, con il desiderio e la paura delle novità. Il susseguirsi di incontri lascia fiorire il senso di appartenenza e la comunità scolastica si nutre di ogni preziosa individualità.

Scuola: I.C.SAN TOMMASO D’AQUINO DI SALERNO

Titolo: “ Door” is… everything you want to see“Porta”è…tutto ciò che vuoi vedere”

Docenti Referenti: Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Ida Chiumiento, Referente del Progetto Docente Daniela Ingino, gli alunni dell’Istituto in particolare gli alunni della Classe III A della Scuola Secondaria di Primo Grado del Plesso “ O.Conti” di Fratte,  gli alunni della classe III B della Scuola Secondaria di Primo Grado del Plesso “Don Peppe Diana” di Matierno, le Prof.sse Raffaella Mandara e Floriana Grattacaso, i bambini della Scuola dell’Infanzia Plesso “O. Conti” di Fratte e la maestra Daniela Ingino.

Sinossi: “ Door” is… everything you want to see” così gli alunni dell’I.C.San Tommaso D’Aquino di Salerno hanno voluto sintetizzare  il lungo viaggio laboratoriale che hanno realizzato  riflettendo sul significato, l’etimologia e la prospettiva che la PORTA e Slide Door suscita. La pace, l’accoglienza, la fiducia, la possibilità, il mistero, la magia, il sogno sono solo alcune delle riflessioni che attraverso video giochi, manufatti grafico pittorici, tele e vox pupuli sono emerse. Non innalziamo muri ma apriamo porte…e cuori!

Scuola: IIS Galilei-Di Palo Salerno

Titolo: Opening the Salerno’s doors – A trip in our History

Docenti Referenti: Dirigente Scolastico prof. Emiliano Barbuto

Referenti Progetto:Prof.ssa Marianna Amendola Prof. Nicola Mondelli  Classi 4D 5D Informatica Prof.ssa Marianna Amendola Prof. Nicola Mondelli Classi 4D 5D Informatica

Sinossi: Il video vuole essere un “viaggio” nel cuore antico di Salerno, attraverso i portali dei Palazzi Storici , gli accessi a strade e vicoli e nei  luoghi dove si trovavano le Porte della città. Un viaggio nel tempo che descrive in poche immagini la Storia della nostra città  luogo di incontro di diversi popoli nel corso della storia,  per sottolineare l’unità delle popolazioni nel mondo. Le foto sono state realizzate dagli allievi durante una serie di percorsi “reali” guidati dagli insegnanti .

Scuola: ISTITUTO COMPRENSIVO “Vicinanza”- scuola secondaria di I grado “A.Pirro”

Titolo: Slide door, una porta aperta sulla fantasia

Docenti Referenti: Dirigente scolastico: dott.ssa Sabrina Rega

Docente referente del progetto: prof.ssa Liliana Talamo

Classi coinvolte: III B e III D

Sinossi: Con le parole ROGO, TOTÒ e NERO le ragazze della classe III D hanno parlato di Giovanna D’Arco, raccontando la storia di questa grande eroina e del periodo della caccia alle streghe che venivano bruciate vive sul rogo. Nel secondo cartellone le alunne hanno parlato della figura del grandioso Totò che nonostante il passare degli anni rimane sempre immortale. Con il terzo anagramma, il gruppo ha deciso di realizzare una rappresentazione del discorso di Martin Luther King “I HAVE A DREAM”.

Alcuni alunni hanno invece parlato della geometria attraverso l’anagramma LATO. Con l’anagramma TEATRO si sono collegati alla letteratura, con NATO alla storia e con REGOLA a scienze motorie per l’importanza del Fair play.

Le RETTE sono le protagoniste del quadro di Vincent Van Gogh, realizzato in III B e terminato proprio il giorno del compleanno dell’artista.

La LOTTA ha come fine il potere che abbiamo rappresentato con la corona di un RE e ha sempre portato a guerre disastrose, alla NOTTE.

In un’altra composizione è rappresentata una donna con il viso preoccupato che con un martello cerca di rompere il ghiaccio in cui è imprigionato l’angelo. Sta a significare che oltre le difficoltà c’è la Salvezza. Dietro l’angelo infatti il terreno non è più ghiacciato, ma coperto dai fiori. La Salvezza, ovvero la serenità mentale, è raggiungibile solo se si riescono ad affrontare problemi e difficoltà con determinazione. Il disappunto si approprierà di chi guarda questa scena: nessuno sa se la donna rimarrà accerchiata dalla distesa di ghiaccio o riuscirà a raggiungere il prato fiorito.

Ci sono anche una piccola aula con, al suo interno, una lezione di matematica relativa al Teorema di Pitagora e la raffigurazione di un famoso dipinto di Pit Mondrian intitolata “New York”, nome della città con cui è collegata la Porta. Il giallo di Mondrian è stato scambiato con il limpido e sfuggente oro. L’opera possiede dei vuoti bianchi che fanno riferimento alla solitudine provata da un individuo e a ciò che viene lasciato fuori dall’originario, mente le linee, appunto le RETTE, collegano il mondo ai nostri ideali, ai nostri sogni e alle nostre illusioni. C’è però una linea diversa, in un certo senso, una linea che risalta subito all’occhio e che è quella che collega il museo alla nostra Porta. Nella parte inferiore dell’opera inoltre si trovano numerose mani con colori e sfumature che rendono quest’ultima parte, anche se in fondo, speciale e importante, facendo sì che anche i posti più lontani del Pianeta non vengano dimenticati, anzi siano alla base delle questioni che in quella confusione sono l’elemento base della vita.

Scuola: LICEO CLASSICO “ T.TASSO”, Salerno.

Titolo: “THE WAY TO THE GATE”

Docenti Referenti: Dirigente Scolastico: Prof.ssa Carmela Santarcangelo

Docente referente: Prof. Ester Cafarelli

Allievi: Filippo Giuseppe Moscati, Mario Tedesco, Gianmaria Vigorito, Maria Chiara Pontone ( interprete), Antonio Alfano, Apicella Francesco, De Caro Alessia, Policastro Francesca, Lo Monaco Sara, Villecco Azzurra, Anfuso Francesca, Federico Fruscione, Di Mauro Chiara, Lezzi Gianmarco, Napoli Gianmarco, D’ Alessio Anita, Sabbato Alessandra, Cozzarelli Anita.

Sinossi: Dall’alto della collina che guarda su Salerno, dal monte San Liberatore, attraverso la porta detta “ del Paradiso”, osserviamo con gli occhi  della mente la luce del tempo, il giorno, la notte, l’alba, il presente ed il futuro, la vita che viviamo e che vorremmo vivere sempre al massimo. Il portale come segno del passaggio. Il portale come maschera del tempo  , come attraversamento  consapevole verso un percorso che ci vede protagonisti.

SIGLA FORMAT END

Concorso “Corti ma Buoni”

Scuola: Liceo Artistico Sabatini-Menna

Titolo: L’Ultimo Abbraccio

Docenti Referenti: Claudia Imbimbo – Nadia Tavassi

Sinossi: Adele tra la posta riceve un volantino di pubblicizzazione della Slide Door, porta digitale che collega virtualmente Ellis Island con l’atrio del Duomo di Salerno. I ricordi di Lei bambina con la nonna che le racconta del suo grande amore lasciato in America tanti anni fa riaffiorano prorompenti, tanto da spingerla a condividerli con Arianna sua nipote ed il suo giovane compagno. Generazioni e Sentimenti a confronto, protagonisti di Epoche lontane.

Esibizione musicale conclusiva

 “Coro di Matierno”,  formato dai bambini dell’Istituto Comprensivo San Tommaso D’Aquino di Salerno. Il “Coro”, promosso dall’Associazione di promozione sociale Musikattiva,  dal 2016 titolare del progetto “Matierno Social Music” , in collaborazione con il centro “E. Sacco” gestito dalla cooperativa Prometeo 82, e’ formato da circa 20 elementi e proporrà canzoni sui temi  della pace e dell’uguaglianza.

Giornalista: Peppe Iannicelli

/ 5
Grazie per aver votato!
Visualizzazioni: 0