Sono andato via con la mente più aperta e trovo che il tuo lavoro musicale sia un ottimo mezzo per divulgare questo messaggio

“Sono andato via con la mente più aperta e trovo che il tuo lavoro musicale sia un ottimo mezzo per divulgare questo messaggio”. Questa è una delle reazioni raccolte alla fine dell’evento presentazione di H-Code 44, ultimo lavoro musicale di Michele Parisi, aka Miky Up. L’artista nocerino ha raggiunto in pieno il suo scopo: il suo lavoro come mezzo di divulgazione di tematiche molto delicate. Un invito alla riflessione sull’utilizzo

dell’Intelligenza Artificiale e sulle ombre inquietanti dei progressi della scienza in settori di cui pochi sono realmente informati, come la manipolazione genetica e la robotica. Più che una presentazione ufficiale di un disco, l’evento tenutosi sabato 25 Maggio a Nocera Inferiore, si è rivelato un vero e proprio convegno.

Ha aperto le danze il prof. Salvatore Campitiello (Presidente Assostampa Campania Valle del Sarno) che si è a lungo soffermato sul ruolo della stampa e della salvaguardia della veridicità delle notizie e il rischio che l’I.A possa cambiare le regole del gioco nel giornalismo: salvaguardare la libertà e la responsabilità del giornalista di raccontare la verità per il bene comune. L’incontro si è poi indirizzato su temi più scientifici, con l’intervento del prof.

Giovanni Tamarro (docente, informatico e scrittore) che ha spiegato, in maniera minuziosa, la differenza tra un algoritmo e il suo

utilizzo nella programmazione informatica vecchio stampo e quello nell’ I.A. Tammaro si è poi a lungo soffermato sui tipi di Intelligenza Artificiale esistenti e dell’uso de’I.A. nella didattica. L’intervento del musicista, poi, ha spostato l’attenzione su un tema molto delicato: Le macchine prenderanno il sopravvento e la specie umana rischia di scomparire? Questa è la domanda principale che l’artista si è posto dopo aver ascoltato un intervento televisivo di Paolo Benanti, massimo esperto di biotecnologia, neuroscienze e robotica. Benanti, dice Parisi, è stato l’ispiratore dell’opera musicale: i temi come transumanesimo, postumanesimo, mind uploading e genome editing sono stati gli argomenti su cui si è basata la realizzazione dell’opera musicale. L’incontro è stato “colorato” e arricchito dalle introduzioni del giornalista Roberto Sdino, che ha moderato, stemperato argomenti seri con il suo modo da guascone, simpatico, allegro e rassicurante allo stesso momento. Il convegno, per i suoi contenuti, per l’attualità e la complessità di certi argomenti, merita senz’altro di essere replicato. Si auspica che l’intero team di lavoro possa riproporre l’evento in altra location entro breve.   Il disco è ordinabile sul sito dell’artista mikyup.com

/ 5
Grazie per aver votato!
Visualizzazioni: 1

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.